https://besthookupwebsites.org/it/scelto-essere-single-succedendo/Scelto per essere single: cosa sta succedendo?

Scelto per essere single: cosa sta succedendo?

Scelto per essere single: cosa sta succedendo?

Qualunque sia il modo in cui scegli di vestirlo, essere single a volte può sembrare uno dei più grandi problemi della vita. Sopportare il destino e l’oscurità della singlehood mentre tutti i tuoi amici si sistemano (o rimangono sistemati) nella beatitudine dagli occhi pastosi può essere una vera fonte di guai. Ma al di là del conflitto, la solitudine può effettivamente essere una fonte di empowerment? Diciamo di sì e spiegheremo perché …

La sociologia dell’essere single

Sebbene il sottotitolo di questa sezione possa sembrare il titolo di un’ambiziosa dissertazione universitaria, si può trarre una grande quantità di importanza dalle scienze sociali quando si tratta di comprendere la singlehood. Forse ti starai chiedendo cosa diavolo abbia a che fare la sociologia con l’essere single. Ecco lo scoop.

La maggior parte di noi avrà fin troppo familiarità con l’immagine spesso parodiata di uno sfortunato single perso in un mare di libri di auto-aiuto e bottiglie di vino vuote. Sebbene questa caricatura sia sia esagerata che offensiva, è una rappresentazione che pervade sia i media che la nostra immaginazione.

Alla ricerca di una prospettiva alternativa sull’essere single, EliteSingles ha parlato con uno dei più eminenti ricercatori coinvolti nello studio della singlehood; Bella DePaulo. Professore in visita presso l’Università della California, Santa Barbara, ha pubblicato estesamente su un’ampia gamma di questioni che si sovrappongono all’essere single.

L’accademico di Harvard si affretta a indicare i pro di un punto di vista più rigoroso e sociologico che può portare al dibattito. “Un approccio scientifico può spingere oltre la percezione selettiva e sfatare i miti”, dice DePaulo, “Ci permette di parlare di singlehood sulla base di dati piuttosto che solo su opinioni e pregiudizi. Con una buona ricerca, possiamo vedere i punti di forza dell’essere single e l’importanza della vita da single “.

Sfatare i miti e aumentare la consapevolezza sono componenti centrali del lavoro di DePaulo. Ad esempio, sfida la ricerca scientificamente approvata che suggerisce che le coppie sposate vivono vite più felici e più sane (di cui ce ne sono molte). “Può essere complicato”, dice di contestare lo status quo, “troppo spesso vengono fatte affermazioni sui benefici del matrimonio che non possono essere supportate in base al tipo di ricerca che è stata condotta”.

In effetti, ci sono prove a sostegno delle affermazioni di DePaulo. Nel 2015 uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Auckland ha rivelato che per alcune persone le relazioni possono apparentemente avere un effetto negativo sulla qualità della vita 1. Più specificamente, l’indagine ha rilevato che gli individui con una disposizione non conflittuale avevano un grado più elevato di soddisfazione di vita essendo single rispetto a essere in una relazione.

Per portare avanti la sua critica, DePaulo ha coniato due termini; singlism e matrimania. Il primo si riferisce al pregiudizio rivolto a uomini e donne single. “C’è poca consapevolezza culturale del singlismo”, dice DePaulo, “eppure la discriminazione contro le persone single è scritta nella legge. Negli Stati Uniti, ad esempio, ci sono più di 1.000 leggi solo a livello federale che avvantaggiano e proteggono solo le persone legalmente sposate “. Esempi di casi in cui l’essere single è legalmente ignorato includono detrazioni fiscali sul reddito, diritti di successione e leggi sul lavoro.

Il secondo concetto di DePaulo, matrimania, è inteso a “l’esaltazione esagerata del matrimonio, dell’accoppiamento e dei matrimoni”. “La matrimania è diventata in realtà più estrema dagli anni ’50 circa”, dice DePaulo, “le persone celebrano il matrimonio in modo così implacabile e in modi così ostentati, non perché siamo tutti così sicuri del posto del matrimonio nella nostra vita, ma perché siamo così insicuri. Il matrimonio non è importante per le nostre vite nei modi più importanti in cui era una volta. “

Lunga vita al single

D’altro canto, non è giusto pensare che la single nel 21 ° secolo sia molto meno stigmatizzata che mai? E la matrimania potrebbe essere in declino? È certamente vero che le abitudini coniugali sono cambiate drasticamente negli ultimi quarant’anni in Australia. Nel 1975 solo il 16% delle coppie aveva vissuto insieme prima di sposarsi.

Avanti veloce al 21 ° secolo e le cose sono molto diverse; nel 2013 il 77% dei matrimoni è stato preceduto dalla convivenza. Anche l’età media dei matrimoni per la prima volta è aumentata in questo periodo; 23 per gli uomini nel 1975 rispetto ai 30 nel 2013, 21 per le donne nel 1975 rispetto ai 28 nel 2013. Inoltre, dal 1986, c’è stato un calo del 9% nelle coppie australiane sposate, del 58-49% per la precisione.

Questi risultati sembrerebbero indicare che sebbene le persone non optino necessariamente per la single, sono certamente molto più caute, o scettiche, riguardo al matrimonio. E secondo un rapporto del 2011 pubblicato dal Pew Research Center con sede negli Stati Uniti, qualcosa è davvero in corso, e anche in altre parti del mondo. Lo studio non solo ha rivelato che poco più della metà degli americani adulti è sposata, ma ha anche segnalato che il 43% delle persone di età compresa tra i 18 ei 49 anni pensa che il matrimonio stia diventando meno rilevante.

Per DePaulo quest’ultimo è rappresentativo di una tendenza sociale più positiva. Alla domanda se l’aumento del conservatorismo in evidenza in tutto il mondo possa portare a un picco sia nel singlismo che nel matrimania, lei rimane ottimista. “Spero che non accada”, dice, “ho un po ‘di ottimismo basato sul fatto che la giovane generazione di adulti di oggi tende ad essere di mentalità aperta ed è improbabile che sia sessista, razzista o omofobo”.

L’ottimismo di DePaulo non si adatta perfettamente a un’altra scoperta estratta dal rapporto Pew. Di quegli intervistati single che hanno affermato che il matrimonio è un’istituzione quasi obsoleta, un sostanziale 47% ha affermato che un giorno vorrebbe ancora sposarsi. Basti dire che questo sembra un po ‘contraddittorio. Tuttavia, ci sono risposte.

Una di queste spiegazioni si presenta sotto forma di uno studio condotto da Jody Hughes dell’Università La Trobe. Pubblicato nel 2014, il documento di Hughes si basa sul lavoro di teorici come Anthony Giddens, Ulrich Beck e Zygmunt Bauman per indagare sulla riflessività sia dell’individualità che delle relazioni intime. Dopo aver intervistato circa 28 australiani di età compresa tra 21 e 39 anni, che vivevano tutti da soli, Hughes ha scoperto che piuttosto che assegnare meno valore alle relazioni di “coppia sessuale”, i suoi partecipanti aspiravano a una relazione a lungo termine e sana.

Contrariamente all’immagine banale (e dispregiativa) di una donna anziana sola, DePaulo concorda sul fatto che le persone che temono di più il single sono probabilmente sulla trentina. Tira fuori un articolo che ha scritto per Psychology Today sulla singlehood e la giovane età adulta. Il pezzo è incentrato su una domanda e risposta che ha avuto con Wendy Wasson, una psichiatra clinica con sede a Chicago. Wasson descrive quanti dei suoi pazienti giovani, single e femmine di età compresa tra i 25 ei 30 anni subiscono una pressione nel vedere i loro amici sposarsi e iniziare una famiglia, un ceppo che è ulteriormente aggravato dall’onnipresente orologio biologico.

Kinneret Lahad, professore presso l’Università di Tel Aviv, sostiene che è imperativo comprendere il concetto di tempo e come è impigliato con la single. In un documento del 2012, l’accademico israeliano ha scritto che la singlehood è “un fenomeno sociologico costituito e forgiato attraverso il cambiamento delle definizioni sociali, delle norme e delle aspettative della società”. Secondo lei, il tempo è rappresentato da “orologi sociali”, come la temporalità molto reale ma socialmente ratificata dell’età fertile. Ciò accentua la voglia di sposarsi e ulteriormente stigmatizza l’essere single.

Ma sicuramente la tecnologia sta cambiando il panorama della single?

Dalle tecnologie riproduttive ai social media, essere single oggi è molto più fluido di quanto non lo fosse in passato. “È più facile per le persone single che vivono da sole essere sempre in contatto”, afferma DePaulo, “possono contattare gli amici senza mai lasciare le loro case e possono utilizzare la tecnologia anche per organizzare incontri di persona più facilmente”. Anche l’industria degli appuntamenti è stata rivista; nel 2015 si stima che 91 milioni di persone usassero app di appuntamenti in tutto il mondo (incluso il 15% della popolazione adulta totale in America).

Comunque tu abbia scelto di guardarlo, è difficile confutare il tacito stigma associato alla singlehood. Ma non sono solo brutte notizie. Per concludere le cose con una nota più positiva, essere single è una scelta che può portare grandi benefici. Chiunque abbia un amore perduto saprà che l’essere single incoraggia la ricerca dell’anima, che a sua volta porta alla scoperta di sé e, infine, al progresso. Rifiutare i costumi sociali e goderti la libertà che ti offre l’essere single è un modo sicuro per decidere cosa è meglio per te. Soprattutto, quando sarai pronto per iniziare una nuova relazione, sarà per le giuste ragioni!

Delisha
Delisha
Delisha
MS, RD e scrittore
Delisha è un'esperta dotata delle conoscenze adeguate per aiutare i suoi clienti a compiere i passi necessari per trasformare la fine di una relazione o il crepacuore in nuove opportunità positive.

I migliori siti di incontri

Essere cattivo
8.3
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
Together2Night
9.5
Leggere
inviare una recensione
Valutazione: