https://besthookupwebsites.org/it/dieci-fasi-relazione/Le dieci fasi di una relazione

Le dieci fasi di una relazione

Le dieci fasi di una relazione

Se hai mai potenziato la vecchia macchina di Internet e martellato le “ fasi di una relazione ” in Google, ti sarai reso conto che per la maggior parte, nessun due articoli sembrano essere in grado di concordare su quali siano effettivamente le fasi, o quanti ne esistono. Bene, puntiamo al cielo con EliteSingles, quindi ci siamo tuffati nel mondo accademico e abbiamo cercato un duo di esperti che hanno lavorato per sviluppare una delle teorie più rispettate sulle diverse fasi di una relazione.

Il modello di sviluppo relazionale di Knapp è una teoria ben documentata sulle fasi di una relazione ed è il frutto dell’ingegno dello studioso di comunicazione Mark L. Knapp. Nel modello, Knapp ha diviso il viaggio della coppia media in due fasi contenenti cinque fasi. Le due fasi sono “Coming Together” e “Coming Apart” leggermente meno divertente, e insieme tracciano la traiettoria delle relazioni dall’inizio alla (possibile) fine. Le fasi sono le seguenti:

Fasi di una relazione – Modello di sviluppo relazionale di Knapp

La fase del “Mettersi insieme”

Iniziazione – Le prime impressioni vengono effettuate in meno di 15 secondi. Questo è quando mostriamo il meglio di noi stessi. Osserviamo l’altra persona intensamente, per conoscerla. L’aspetto fisico gioca un ruolo importante.

Sperimentazione – Questo è un periodo di maggiore rivelazione di sé, in cui iniziamo a imparare gli uni sugli altri. Le chiacchiere portano a trovare cose in comune. La maggior parte delle relazioni nella vita non progredirà oltre questa fase: pensa alle relazioni in ufficio “più rinfrescanti”.

Intensificante – Determiniamo se c’è affetto / attaccamento reciproco attraverso conversazioni più profonde e frequenti contatti individuali. In questa fase, ci sottoponiamo a “test segreti” per vedere se la relazione prospererà. Questi possono includere andare in pubblico come coppia, stare separati per un lungo periodo, gelosia, opinioni di amici e entrambi i partner che attraversano un momento difficile al di fuori della relazione. Naturalmente, questo periodo può essere dirompente.

Integrazione – Gli effetti personali / gli amici / la casa vengono condivisi e vengono adottati abiti / comportamenti simili. Nel mondo di oggi, i social media possono avere un ruolo, ad esempio una coppia può comparire nelle immagini del profilo dell’altro. La coppia è esclusiva l’una per l’altra e vengono rivelati i segreti, i comportamenti sessuali ei piani futuri di ogni partner.

Incollaggio – Questo di solito si verifica sotto forma di matrimonio o un altro metodo per mostrare al mondo che sei una squadra e la tua relazione è veramente intima. Una volta raggiunto questo stadio, molte coppie rimangono legate per sempre.

La fase di “smantellamento”

Differenziare – La coppia si disimpegna. Le differenze vengono enfatizzate e le somiglianze si logorano, portando al conflitto. Questo può essere il risultato di un legame troppo rapido. Tuttavia questa è una fase prevista di qualsiasi relazione e può essere risolta dandosi spazio a vicenda.

Circoscrivere – Questa è un’interruzione della comunicazione, durante la quale diminuiscono le espressioni d’amore.

Stagnazione – Una o entrambe le parti si sentono intrappolate. I problemi non vengono sollevati perché i partner sanno già come risponderà l’altro. È ancora possibile rianimare la relazione, ma molti semplicemente stanno insieme per evitare il dolore di porre fine a una relazione.

Evitare – I partner si ignorano a vicenda ed evitano contatti frequenti, portando a una relazione meno personale e a un graduale distacco emotivo.

Risoluzione – Uno o entrambi i partner sono insoddisfatti, infelici e la relazione deve finire. Le ragioni di ciò possono essere la separazione fisica o semplicemente il crescere a parte col passare del tempo.

Quindi, a prima vista, la teoria di Knapp sugli stadi delle relazioni sembra spiegare i soliti schemi che le coppie attraversano quando si accoppiano – pensa al periodo beato della “ luna di miele ” e alle enormi e potenti emozioni che vengono bandite mentre ci innamoriamo .

Al fine di rompere ulteriormente la teoria e avere un buon vecchio frugare all’interno, EliteSingles ha contattato due coautori del libro originale contenente le fasi. La dottoressa Anita Vangelisti è una professoressa presso l’Università del Texas specializzata in comunicazione interpersonale e il dottor John Caughlin è professore di comunicazione interpersonale in stretti rapporti presso l’Università dell’Illinois. Insieme, fanno luce su uno dei modelli più famosi delle fasi delle relazioni.

In Knapp’s Model, in quale fase una relazione passa da platonica a romantica, o può accadere in qualsiasi momento della progressione?

Vangelisti: Ci aspetteremmo che una transizione dal platonico al romantico sarebbe molto probabile durante le fasi di intensificazione o integrazione, ma potrebbe accadere durante qualsiasi fase. Ad esempio, due persone potrebbero incontrarsi (avviare un’amicizia) e, una volta passati alla fase di sperimentazione, scoprire di essere interessati a qualcosa di più di un’amicizia.

Ogni fase del modello di Knapp è inevitabile o le relazioni possono mai saltare una di queste fasi?

Caughlin: La sequenza del modello si verifica per una serie di ragioni, tra cui il fatto che “ogni fase contiene presupposti importanti per la fase successiva”. Ma le persone possono saltare le fasi o metterle fuori uso. Ad esempio, ho sentito storie di persone che rapidamente iniziano e sperimentano e poi si dirigono a destra verso l’altare – pensa ai matrimoni di Las Vegas.

Come suggerisce il modello, saltare questi passaggi è “una scommessa sulle incertezze presentate dalla mancanza di informazioni che avrebbero potuto essere apprese nel passaggio saltato”. Ciò non significa che la relazione finirà inevitabilmente in pezzi, ma è una mossa rischiosa.

Le fasi possono ripetersi indefinitamente?

Vangelisti: Sì, le fasi possono ripetersi più e più volte. È importante sapere, tuttavia, che ogni volta che le coppie tornano indietro e “ripetono” una fase, la loro esperienza sarà diversa da quella di prima. Porteranno con sé vecchie esperienze, una serie di ricordi e nuove idee quando attraverseranno di nuovo quella fase.

Caughlin: Cambiare il proprio stato di Facebook su “in una relazione” dice qualcosa di diverso sulla coppia rispetto a cambiarlo in “in una relazione” la prima volta.

Pensi che sia utile per le coppie che cercano una relazione felice essere consapevoli del modello?

Caughlin: Può essere utile per diversi motivi. Ad esempio, può aiutare a dare un senso al motivo per cui il proprio partner è impegnato in determinati comportamenti, il che può essere utile per aiutare a capire il significato di quei comportamenti.

Vangelisti: Tuttavia, è importante notare che i partner possono analizzare eccessivamente la loro relazione. A volte un partner dice qualcosa di brutto a un altro perché ha avuto una brutta giornata e il commento sgradevole non indica nulla di negativo sulla relazione. È importante ricordare che i modelli di comportamento tendono ad essere più significativi dei comportamenti individuali.

In quale fase della fase di “unione”, se esiste, la maggior parte delle relazioni romantiche tende a lottare o finire?

Caughlin: Non credo sia corretto affermare che “la maggior parte” delle relazioni sentimentali faticano in un punto particolare. Tuttavia, la ricerca sulla “turbolenza relazionale” ha dimostrato che molte coppie vivono un periodo turbolento quando decidono se passare da una relazione casuale a una relazione più impegnata. Questo può essere un momento intenso in una relazione con molte emozioni (sia positive che negative), ed è un momento in cui alcune coppie decideranno di non continuare e altre si sistemeranno. Questo periodo di turbolenza corrisponde grosso modo alla transizione tra intensificazione e integrazione.

Vangelisti: Ma penso che sia importante notare che i singoli partner possono avere difficoltà in fasi diverse per motivi diversi. Quindi, ad esempio, una persona che è molto, molto timida potrebbe avere difficoltà con la fase di inizio, ma andrà bene una volta che arriva alla fase di intensificazione. Generalmente le persone che hanno un’elevata autostima ed esperienze relazionali positive e di fiducia avranno meno difficoltà di quelle con una bassa autostima ed esperienze relazionali più negative e imprevedibili.

Fin dal suo inizio, è cambiata la natura di come si formano le relazioni romantiche?

Vangelisti: Il modo in cui si formano le relazioni è certamente cambiato nel tempo. L’esempio che probabilmente viene in mente alla maggior parte delle persone è la maggiore frequenza con cui i partner iniziano relazioni online piuttosto che faccia a faccia. In questo caso, mentre il canale che gli individui utilizzano per avviare le loro relazioni è cambiato, i comportamenti in cui si impegnano non sono cambiati più di tanto.

Le persone impiegano ancora tempo per “conoscersi” e la ricerca mostra che la maggior parte delle relazioni avviate online si sposta offline abbastanza rapidamente se stanno per progredire.

È possibile un “felici e contenti” nel modello di Knapp?

Vangelisti: Le persone spesso pensano che “per sempre felici e contenti” significhi che la coppia felice non è mai in disaccordo, non si infastidisce mai a vicenda e non ha mai dubbi sulla loro relazione. Il modello di Knapp suggerisce che anche le coppie felici sperimentano alti e bassi nelle loro relazioni. Ciò che conta è come gestiscono questi alti e bassi. La capacità – e la volontà – di superare insieme i tempi morti è ciò che fa funzionare le relazioni.

Caughlin: Se questo sta chiedendo se una coppia può essere nelle fasi di legame per molto tempo e se entrambi i partner riferiscono di essere felici, allora certo, questo accade. Ma felici e contenti non accade se si intende che nel senso della storia d’amore di Hollywood dove la fine del film è il matrimonio e si presume che la coppia sia perennemente beata.

Realisticamente, la maggior parte delle coppie sperimenterà almeno alcuni elementi di separazione in momenti diversi. Happily ever after non è un risultato, ma richiede invece pratiche di comunicazione che continuano a promuovere la felicità.

Vangelisti: Lavorano insieme per superare momenti difficili? Si rispettano abbastanza da ascoltarsi a vicenda, anche quando non sono d’accordo? Sono disposti a trascurare i fastidi perché sanno che le qualità positive del loro partner superano le sue fastidiose abitudini? Sono in grado di parlare dei loro dubbi e risolverli insieme? La capacità – e la volontà – di superare insieme i tempi morti è ciò che fa funzionare le relazioni.

Quindi il gioco è fatto, gente. Un breve sguardo alla teoria dietro le varie fasi di una relazione ci dice che una relazione felice e di successo che dura tutta la vita è completamente possibile fintanto che entrambe le parti sono disposte a distribuire un po ‘di pazienza e comprensione. E se stai cercando il partner perfetto con cui iniziare il viaggio della tua vita? Fai il tuo primo passo completando il test della personalità su EliteSingles!

Fonti:

Le citazioni dirette sono passaggi da “Interpersonal Communication & Human Relationships” (7 ° ed.) Di Knapp, Vangelisti e Caughlin.

Delisha
Delisha
Delisha
MS, RD e scrittore
Delisha è un'esperta dotata delle conoscenze adeguate per aiutare i suoi clienti a compiere i passi necessari per trasformare la fine di una relazione o il crepacuore in nuove opportunità positive.

I migliori siti di incontri

Essere cattivo
8.3
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
Together2Night
9.5
Leggere
inviare una recensione
Valutazione: